Borgore (IL) /

torna al programmaa

Asaf Borger, in arte Borgore, è senza dubbio diventato uno dei nomi più di spicco per gli amanti dubstep dal sound aggressivo.
E’ riconosciuto come il più anticonformista degli artisti. Ben lontano da tutta la scena mainstream, Il produttore di Tel Aviv infatti è riuscito a crearsi un grosso seguito grazie ai social network, senza la spinta di grandi artisti, scatenando di conseguenza pareri contrastanti.
Accusato di aver “rovinato” il genere che rappresenta, decide di rispondere alla provocazione chiamando due EP ‘Borgore ruined Dubstep’. Ed è proprio questa la motivazione che ha spinto il ragazzo israeliano, a creare una propria etichetta discografica: la Buygore Records, etichetta che supporta tutti i produttori del genere “dubstep” che non vengono trasmessi in radio. Asaf Borger, in arte Borgore, è senza dubbio diventato uno dei nomi più di spicco per gli amanti dubstep dal sound aggressivo.
E’ riconosciuto come il più anticonformista degli artisti. Ben lontano da tutta la scena mainstream, Il produttore di Tel Aviv infatti è riuscito a crearsi un grosso seguito grazie ai social network, senza la spinta di grandi artisti, scatenando di conseguenza pareri contrastanti.
Accusato di aver “rovinato” il genere che rappresenta, decide di rispondere alla provocazione chiamando due EP ‘Borgore ruined Dubstep’. Ed è proprio questa la motivazione che ha spinto il ragazzo israeliano, a creare una propria etichetta discografica: la Buygore Records, etichetta che supporta tutti i produttori del genere “dubstep” che non vengono trasmessi in radio.Asaf Borger, in arte Borgore, è senza dubbio diventato uno dei nomi più di spicco per gli amanti dubstep dal sound aggressivo.
E’ riconosciuto come il più anticonformista degli artisti. Ben lontano da tutta la scena mainstream, Il produttore di Tel Aviv infatti è riuscito a crearsi un grosso seguito grazie ai social network, senza la spinta di grandi artisti, scatenando di conseguenza pareri contrastanti.
Accusato di aver “rovinato” il genere che rappresenta, decide di rispondere alla provocazione chiamando due EP ‘Borgore ruined Dubstep’. Ed è proprio questa la motivazione che ha spinto il ragazzo israeliano, a creare una propria etichetta discografica: la Buygore Records, etichetta che supporta tutti i produttori del genere “dubstep” che non vengono trasmessi in radio.Asaf Borger,Asaf Borger, in arte Borgore, è senza dubbio diventato uno dei nomi più di spicco per gli amanti dubstep dal sound aggressivo.
E’ riconosciuto come il più anticonformista degli artisti. Ben lontano da tutta la scena mainstream, Il produttore di Tel Aviv infatti è riuscito a crearsi un grosso seguito grazie ai social network, senza la spinta di grandi artisti, scatenando di conseguenza pareri contrastanti.
Accusato di aver “rovinato” il genere che rappresenta, decide di rispondere alla provocazione chiamando due EP ‘Borgore ruined Dubstep’. Ed è proprio questa la motivazione che ha spinto il ragazzo israeliano, a creare una propria etichetta discografica: la Buygore Records, etichetta che supporta tutti i produttori del genere “dubstep” che non vengono trasmessi in radio.Asaf Borger, in arte Borgore, è senza dubbio diventato uno dei nomi più di spicco per gli amanti dubstep dal sound aggressivo.
E’ riconosciuto come il più anticonformista degli artisti. Ben lontano da tutta la scena mainstream, Il produttore di Tel Aviv infatti è riuscito a crearsi un grosso seguito grazie ai social network, senza la spinta di grandi artisti, scatenando di conseguenza pareri contrastanti.
Accusato di aver “rovinato” il genere che rappresenta, decide di rispondere alla provocazione chiamando due EP ‘Borgore ruined Dubstep’. Ed è proprio questa la motivazione che ha spinto il ragazzo israeliano, a creare una propria etichetta discografica: la Buygore Records, etichetta che supporta tutti i produttori del genere “dubstep” che non vengono trasmessi in radio. In arte Borgore, è senza dubbio diventato uno dei nomi più di spicco per gli amanti dubstep dal sound aggressivo. È riconosciuto come il più anticonformista degli artisti. Ben lontano da tutta la scena mainstream, il produttore di Tel Aviv, infatti, è riuscito a crearsi un grosso seguito grazie ai social network, senza la spinta di grandi artisti, scatenando di conseguenza pareri contrastanti. Accusato di aver rovinato il genere che rappresenta, decide di rispondere alla provocazione chiamando due EP Borgore ruined Dubstep. Ed è proprio questa la motivazione che ha spinto il ragazzo israeliano a creare una propria etichetta discografica, la Buygore Records, etichetta che supporta tutti i produttori del genere dubstep che non vengono trasmessi in radio.

Link:
Borgore Official homepage
Myspace
Facebook
Last.fm